Scopri di più sul Dipartimento di eccellenza

Per il quinquennio 2018-2022 il nostro Dipartimento è stato incluso dal Ministero dell'Università e della Ricerca tra i 180 “Dipartimenti di eccellenza” e dotato di un finanziamento straordinario di 6 milioni di euro da investire in attività volte a potenziare la ricerca scientifica, sviluppare metodologie didattiche innovative, reclutare nuovi studiosi e organizzare iniziative per la diffusione dei risultati delle ricerche presso il grande pubblico.

Queste attività rientrano in un progetto di ricerca specifico che si articola in due grandi sezioni: le Digital Humanities e gli Studi sulla Traduzione specialistica e letteraria. I due campi d’indagine sono osservati anche nelle reciproche interrelazioni al fine di produrre risultati che abbiano una reale ricaduta, oltre che sul mondo accademico, sulle professioni specialistiche.

Dal 2018 a oggi il Dipartimento ha realizzato su questi temi oltre 20 convegni di carattere interdisciplinare e una serie di seminari, workshop, laboratori e giornate di studio che hanno coinvolto studiosi stranieri, visiting professor e importanti istituzioni estere quali il “Centre de traduction littéraire” dell’Université de Lausanne. Sono stati pubblicati numerosi volumi nonché saggi e articoli che presentano i risultati scientifici ottenuti ed è stata inaugurata una nuova rivista, il “Journal of Studies in Russian Formalism: The Translation’s Notebooks”. 

Importanti occasioni di studio e formazione sono rappresentate, tra le tante, dalle Summer e Winter School per gli studenti delle Lauree Magistrali e per i dottorandi in “Scienze linguistiche” e in “Studi umanistici transculturali”, tra cui: Traduzione giuridica (settembre 2020 e giugno 2021), Tralectio: tradurre la letteratura oggi. Il testo poetico. I edizione (giugno 2021),  Tralectio: tradurre la letteratura oggi. La forma breve . II edizione (giugno 2022),  Testi dell’alto medioevo tedesco: strumenti digitali e strategie traduttive (gennaio 2022).

II progetto impegna innanzitutto i docenti del Dipartimento nell’elaborazione di innovativi metodi di apprendimento delle lingue che si avvalgano delle tecnologie informatiche offerte dalle Digital Humanities. Inoltre, nelle Lauree Magistrali sono stati introdotti nuovi insegnamenti legati agli ambiti del progetto ed è già in fase avanzata di progettazione una nuova Laurea Magistrale che presenta un innovativo percorso nelle Digital Humanities.

Tra i grandi investimenti è l’acquisto di quattro cabine per l'interpretazione simultanea (per un totale di otto postazioni) che serviranno sia nella didattica delle lingue, sia per attività seminariali e laboratoriali che vedranno la collaborazione di interpreti e traduttori professionisti.

Un grande impegno è profuso dal Dipartimento sul piano della ricerca (con l’attivazione di progetti nazionali ed europei) e del potenziamento del personale, valorizzando anche giovani ricercatori, mediante il conferimento di borse di studio triennali di dottorato e assegni biennali di ricerca sui temi del progetto.

Molte sono anche le iniziative volte a presentare al grande pubblico i risultati delle ricerche del Dipartimento, come il sito “Scuole più accessibili” e la produzione di materiali multimediali pubblicati su piattaforme ad accesso libero (Si vedano alcuni degli oltre sessanta video del Ciclo 5 minuti con Dante, #cinqueminuticondante).