Pubblicazioni

Tradurre: un viaggio nel tempo

Curatore: Maria Grazia Cammarota

Abstract: La traduzione di un testo che appartiene a un universo culturale remoto è come un viaggio nel tempo: affidandosi alla guida di un traduttore i nuovi lettori possono risalire i secoli ed esplorare un mondo che altrimenti rimarrebbe accessibile solo a una limitata cerchia di esperti. I contributi raccolti in questo volume, incentrati sui testi del medioevo germanico, offrono significativi apporti alla riflessione sul ruolo specifico della filologia nell’ambito della ‘traduzione intertemporale’, evidenziando la fondamentale funzione svolta nell’attuale panorama culturale da una disciplina che valorizza la capacità di «leggere lentamente» e il rispetto verso il dato testuale.

Contributi di: Fulvio Ferrari, Maria Grazia Cammarota, Alessandro Zironi, Marina Buzzoni, Concetta Sipione, Martina Ceolin, Helen F. Leslie-Jacobsen, Claudia Di Sciacca, Maria Grazia Saibene, Massimiliano Bampi.

Data di pubblicazione: 24 maggio 2018

Editore: Edizioni “Ca’Foscari”

La circolazione del sapere nei processi traduttivi della lingua letteraria tedesca

Curatore: Raul Calzoni

Abstract: Il volume indaga le modalità attraverso le quali determinati concetti, metafore e narrazioni «migrano» non solo da un ambito lessicale a un altro, ma soprattutto da una nazione all’altra, aprendo così la via a uno studio transnazionale della letteratura e della traduzione. Focalizzandosi sulla lingua letteraria tedesca, i saggi qui raccolti dimostrano, inoltre, che tale transito fra ambiti e lingue è sempre un processo dinamico e basato sulla «traduzione», cioè sul «portare altrove» un concetto, una metafora o una narrazione attraverso un atto linguistico che diventa un gesto di disseminazione e circolazione del sapere fra culture differenti.

Saggi di: Elena Agazzi, Laura Balbiani, Bruno Berni, Raul Calzoni, Gloria Colombo, Guglielmo Gabbiadini, Lucia Salvato, Silvia Vezzoli e Ada Vigliani.

Data di pubblicazione: 23 aprile 2018

Editore: Mimesis (collana “Il quadrifoglio tedessco”)

La circolazione dei saperi in Occidente. Teoria e prassi della traduzione letteraria

Curatori: Fabio Scotto e Marina Bianchi

Abstract: Il volume raccoglie i risultati riguardanti la traduzione letteraria cui si è giunti nell’ambito del progetto “Excellence Initiatives”, Knowledge Dissemination in the Western Hemisphere: Translation, Teaching, an Dissemination in the Western Hemisphere: Translation, Teaching, and Cultural Processes (La circolazione dei saperi in Occidente: processi traduttivi, didattici e culturali), dell’Università degli Studi di Bergamo. Alcuni contributi esplorano principalmente il problema del tradurre da un’interessante prospettiva psico-cognitivista, o socio-culturale; altri affrontano più direttamente la prassi traduttiva, con particolare riferimento al testo poetico. Ne risulta uno stimolante panorama delle questioni attuali cui il tradurre oggi si espone. La traduzione riesce a rispondere alle sfide della contemporaneità a scopo scientifico, ma anche concreto: tradurre, infatti, da sempre rivela le diversità e le disparità in atto nell’ambito storico e culturale, contribuendo in tal modo alla costruzione di una civiltà plurale e aperta.

Prefazione di Fabio Scotto

Contributi di: Peter Henenberg, Jonathan Sell, Sara Amadori, Marina Bianchi, Rossella Michienzi, Željka Babić, Mareike Zapp.

Data di pubblicazione: 23/03/2018

Editore: Cisalpino (collana “Saggi”)

Knowledge Dissemination in the Western Hemisphere: Translation, Teaching, and Cultural Processes

Numero monografico di Token: A Journal of English Linguistics, vol. 7

  • Marina Dossena e Polina Shvanyukova

Il volume presenta contributi relativi al tema della traduzione di diversi generi testuali, sia letterari sia non-letterari, in prospettiva sincronica e diacronica, oltre a contributi che riguardano gli strumenti della traduzione, quali dizionari e manuali di scrittura.

La rivista, che l’ANVUR ha recentemente inserito fra quelle di classe A, è indicizzata in EBSCO, ERIH PLUS, MLA Directory of Periodicals, Index Copernicus e Directory of Open Access Journals (DOAJ).

  • di Marina Dossena e Polina Shvanyukova.

Contributi di: Nicholas Brownlees, Massimo Sturiale, Marina Dossena, Elisabetta Lonati, Polina Shvanyukova, John Douthwaite, Judith Turnbull e Larissa D’Angelo.

Data di pubblicazione: 25/08/2018

  • Jan Kochanowski University Press (Kielce, Polonia)
Il regno degli animali

Autore: Roland Schimmelpfennig

Abstract: Un uomo, un leone e un uovo al tegame. Uomini, animali e oggetti. L’opera centrale della Trilogia degli animali del drammaturgo contemporaneo tedesco Roland Schimmelpfennig, Il Regno degli Animali, affronta tematiche di estrema attualità: il mondo del lavoro, il capitalismo, la perdita dell’identità, di un impiego e della possibilità di agire e cambiare, l’insicurezza, la paura, la distruzione del concetto di comunità, l’assurda logica dei meccanismi di potere e infine, per mezzo della metafora meta-teatrale, il fluido passaggio dell’uomo all’animale e all’oggetto.

L’edizione presenta il testo originale e la traduzione a fronte di Valentina Gianola ed è arricchita da un’introduzione di Raul Calzoni, un ampio commento di Valentina Gianola e da una postfazione di Elena Agazzi.

Data di pubblicazione: 14 giugno 2018

Editore: Mimesis (collana “Il quadrifoglio tedesco”)

Rituali di segni e metamorfosi

Traduzione e cura: Martina Censi

Abstract:

Una dama dell’alta società che diventa prostituta, un capo dei notabili libertino che imbocca la via del sufismo, uno sgherro della città che si dichiara omosessuale. Sono le ‘metamorfosi’ che stravolgono i personaggi di quest’opera teatrale, ambientata nella Damasco del XIX secolo.

Per la prima volta in traduzione italiana, Rituali di segni e metamorfosi (1994) è una pièce teatrale del drammaturgo siriano Saʻd Allāh Wannūs (1941-1997), uno dei maggiori esponenti del teatro arabo contemporaneo. In quest’opera, appartenente all’ultima fase della sua produzione artistica, Wannūs celebra la portata rivoluzionaria del desiderio, in grado di sovvertire non soltanto l’identità individuale – mostrandone l’intima instabilità – ma la società nel suo complesso, basata sull'ipocrisia e sulla divisione tra il “latente" e il “manifesto”.

L’introduzione critica e la traduzione italiana del testo arabo a fronte sono a cura di Martina Censi.

Data di pubblicazione: 21 dicembre 2020

Editore: Edizioni Ca’ Foscari

Le stagioni dell’amore

Autore: Michail Kuzmin

Curatori: 
Alessandra Elisa Visinoni
Prefazione di Ugo Persi

Abstract:

Michail Kuzmin fu una figura di grande spicco negli ambienti simbolisti pietroburghesi e uno dei principali interpreti del wagnerismo russo. Il suo contributo maggiore, in questo senso, è Le stagioni dell’amore (1910), ciclo poetico pensato per la trasposizione teatrale, nel quale Kuzmin si cimenta nelle molteplici vesti di autore dei testi, delle musiche, di attore e di collaboratore alla regia. Corredata nella pubblicazione dalle litografie di due dei più rinomati grafici dell’epoca, Sergej Sudejkin e Nikolaj Feofilaktov, l’opera rappresenta un prezioso esempio di "sintesi delle arti".

Data di pubblicazione: 5 novembre 2020

Editore: Stilo Editrice