Research Group on Digital Humanities (ReDH)

Il Research Group on Digital Humanities (ReDH) è un centro di ricerca internazionale e interdisciplinare che nasce nel 2022 a seguito di un progetto in Digital Humanities & Translation per il quale il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture dell'Università di Bergamo è stato premiato come Dipartimento di Eccellenza. L'istituzione del ReDH risponde alla necessità di gestire la transizione globale verso l'era digitale: la quantità di dati nel mondo sta crescendo in modo esplosivo, e le scienze umane sono parimenti influenzate dal crescente impatto dei dati. Grazie al ReDH, studenti, formatori e ricercatori possono raggiungere una maggiore alfabetizzazione digitale. Per potenziare la quale, il ReDH ospita webinar, sessioni di formazione e corsi. Inoltre, promuove la collaborazione tra accademici, umanisti, educatori e sviluppatori di software, e offre assistenza per l'analisi e la ricerca dei dati, nonché per la creazione di strumenti di ricerca necessari per progetti specifici. Inoltre, il ReDH supporta anche la comunità accademica nella creazione di percorsi digitali all'interno di un curriculum o nell'aggiunta di componenti digitali a corsi già implementati.

Membri

Simone Abbiati (umanistica digitale)

Paolo Barcella (storia)

Elena Bougleux (antropologia)

Raul Calzoni (letterature tedesca)

Gabriella Carrobbio (lingua tedesca)

Fabio Cleto (letteratura inglese e storia culturale)

Stefania Consonni (linguistica inglese e visual studies)

Francesco Lo Monaco (filologia classica)

Stefania M. Maci (analisi digitale del discorso, corpus linguistics) 

Stefano Morosini (storia ambientale)

Flaminia Nicora (Prorettore all'internazionalizzazione)

Tommaso Pellin (lingua cinese)

Giuseppe Previtali (Cinema, TV e fotografia)

Valentina Piunno (linguistica computazionale)

Mario Verdicchio (informatica)